ALL'OPERA PER IL TERREMOTO

Giuseppe Verdi agricoltore

1 agosto 2013

Dal 4 agosto, in cinque città della regione, viaggio scenico sull’“altra opera” del compositore.
C’è un' "altra opera" di Giuseppe Verdi,  di natura del tutto diversa rispetto alla sua attività artistica. Un’opera che investì e occupò parte della sua vita e catturò con forza la sua attenzione e le sue energie. Si tratta dell’intensa applicazione del compositore nel settore dell’agricoltura, attività che lo portò a definirsi “paesano delle Roncole”, a trasformarsi in un proprietario terriero capace e innovativo, testimone delle sorti dell’Italia Unita, così legate al suo sviluppo agricolo.
Di "questo" Verdi racconta l’originale spettacolo in scena nei prossimi giorni nelle città dell’Emilia-Romagna. Prima tappa a Rimini, domenica 4 agosto in piazza Cavour alle ore 21,00, con ingresso gratuito.
Realizzato e interpretato da Roberta Biagiarelli e Sandro Fabiani, con la drammaturgia di Renata M. Molinari, l’omaggio teatrale si avvale della consulenza biografica di Corrado Mingardi , grande conoscitore del maestro. Molte sono le testimonianze che i due attori portano sul palco: frammenti di lettere, ricostruzioni di biografi, interpretazioni di studiosi e, a volte, anche fantasie di “devoti”. Uno spettacolo costruito anche attingendo all’immaginario popolare, che si è fatto ricco intorno al mito del Cigno di Busseto, e, più direttamente, alle tracce che rimangono ancora leggibili, vive e vitali, nel territorio da lui abitato e trasformato.
L'Altra Opera, Giuseppe Verdi agricoltore sarà proposta in cinque diversi luoghi della Regione all’interno del cartellone 2013 di Emilia-Romagna è Un Mare di Sapori , che l’assessorato all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna propone in occasione del bicentenario verdiano. Dopo l’esordio di Rimini, le altre tappe saranno il 17 agosto a Comacchio (Arena di Palazzo Bellini), il 22 agosto a Riccione (Villa Mussolini), il 9 settembre a Cervia (Magazzini del Sale) e il 22 settembre a Gariga di Podenzano nel piacentino (Corte Faggiola).
Lo spettacolo è prodotto dall’Associazione Le Terre Traverse , la drammaturgia di Renata M. Molinari, con la collaborazione artistica di Massimiliano Speziani, la consulenza biografica di Corrado Mingardi, quella musicale di Giuseppe Martini, il disegno luci di Giovanni Garbo e la promozione di Babelia & C.
Immagini
  • Villa Sant'Agata
HOME   |   VITA   |   OPERE   |   LUOGHI VERDIANI   |   TURISMO E TERRITORIO   |   EDUCATIONAL   |   ISTITUTI E ASSOCIAZIONI   |   APP & PLAY   |   MULTIMEDIA   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail