ALL'OPERA PER IL TERREMOTO

I Vespri Siciliani a Piacenza

19 novembre 2013

La Stagione Lirica 2013/2014 della Fondazione Teatri di Piacenza propone I Vespri Siciliani , in scena venerdì 29 novembre alle 20,30 e domenica 1 dicembre alle 15,30. L’andata in scena sarà preceduta da un  incontro di introduzione all’opera il 23 novembre, alle ore 17.00.
Sul podio dell'Orchestra Regionale dell’Emilia Romagna il maestro Stefano Ranzani.
Co-prodotta dai Teatri di Reggio Emilia, Modena e Piacenza, a partire dall’allestimento del Teatro Regio di Torino, dell’Opera Bilbao e del Teatro di Lisbona, andato in scena per le celebrazioni del 150esimo anniversario dell’Unificazione italiana, l’opera vanta la regia di Davide Livermore.
L'allestimento è una riflessione che gioca di sponda con il passato per parlare del presente, partendo dalla strage di Capaci.
Nei Vespri , Verdi racconta la Sicilia del Duecento, ma pensa all’Italia dell’Ottocento, meglio, all’Italia tout court potremmo dire oggi. La sua non è una celebrazione, ma una riflessione e come tale la interpreta Livermore, cogliendo la sfida di Verdi e ambientando i Vespri ai nostri giorni.
Composti per l’Opera di Parigi dove debuttarono nel 1855,  I Vespri Siciliani sono un grande affresco storico che ha in primo piano il confronto violento tra siciliani e francesi.
Nella lettura di Livermore, l’invasore che priva dell’unità e dell’identità nazionale non è lo straniero, ma sono il sistema dei cattivi media, la cattiva informazione, e le “armi di distrazione di massa”.
Immagini
  • Copertina dello spartito dell?opera Les Vêpres Siciliennes su libretto di Wugène Scribe e Charles Duveyrier. Léon Escudier, Paris 1855. Illustrazioni di copertina in litografia monogrammate HE
  • Prima esecuzione: Opéra, Paris, 13 giugno 1855
HOME   |   VITA   |   OPERE   |   LUOGHI VERDIANI   |   TURISMO E TERRITORIO   |   EDUCATIONAL   |   ISTITUTI E ASSOCIAZIONI   |   APP & PLAY   |   MULTIMEDIA   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail