ALL'OPERA PER IL TERREMOTO

Arrigo Boito

(Padova, 1842-1918)

Compositore, scrittore e librettista.

Studia e si diploma al Conservatorio di Musica di Milano. Nel 1861 si reca a Parigi grazie a una borsa di studio e qui conosce personaggi del mondo letterario e musicale come Victor Hugo, Hector Berlioz, Gioacchino Rossini e lo stesso Giuseppe Verdi. Nella capitale francese concepisce l’idea di comporre opere sui temi di Faust e Nerone. Dopo aver visitato altri paesi europei come Francia, Belgio, Germania, Inghilterra e Polonia, torna a Milano e vi si stabilisce definitivamente. Qui collabora con diversi giornali come critico letterario, si inserisce nell’ambiente della Scapigliatura e scrive il libretto di Mefistofele , ispirato al Faust di Goethe che va in scena alla Scala nel 1868. Accolto con freddezza dal pubblico e dalla critica, Boito viene accusato con quest’opera di essere un imitatore di Wagner. Si dedica quindi ad un lungo lavoro di rielaborazione dell’opera che va in scena, questa volta con successo, a Bologna nel 1875. Oltre ai libretti per le proprie opere, Boito scrive per Franco Faccio quello del suo Amleto (1865), per Alfredo Catalani quello de La Falce , e, con lo pseudonimo-anagrammato di Tobia Gorrio quello per La Gioconda di Amilcare Ponchielli che va in scena nel 1876.

Nel 1879 l’editore Giulio Ricordi propone a Giuseppe Verdi di collaborare con Boito alla composizione di un opera basata sulla tragedia dell’ Otello di Shakespeare. Verdi aveva già lavorato con Boito in precedenza scrivendo per lui i testi dell’Inno delle Nazioni prima e la revisione del libretto del Simon Boccanegra poi (1881).

Della produzione letteraria di Arrigo Boito meritano menzione Libro dei Versi , L’alfier nero e Re Orso .

Nel 1881 inizia la collaborazione con Verdi sotto suggerimento dell’editore musicale Giulio Ricordi , che si concretizza con la revisione del libretto del Simon Boccanegra , a cui seguirono quello dell’ Otello (1887) e di Falstaff (1893).

Nel 1924 al Teatro alla Scala di Milano viene rappresentato postumo il Nerone , sempre su suo libretto, rimasto incompiuto.

Dal 1887 al 1898 Boito è legato sentimentalmente all’attrice Eleonora Duse, per la quale traduce Antonio e Cleopatra , Macbeth e parzialmente Romeo e Giulietta .

Immagini
  • Il poeta e compositore Arrigo Boito (Padova 1842-Milano 1918)
  • Casa della Musica (Arch. St. Teatro Regio) - Parma
  • Arrigo Boito
  • Padova, 1842 - Milano, 1918
  • Arrigo Boito
  • Padova, 1842 - Milano, 1918
  • Arrigo Boito
  • Padova, 1842 - Milano, 1918
  • Arrigo Boito ai tempi del primo Ā«MefistofeleĀ»
  • Padova, 1842 - Milano, 1918
HOME   |   VITA   |   OPERE   |   LUOGHI VERDIANI   |   TURISMO E TERRITORIO   |   EDUCATIONAL   |   ISTITUTI E ASSOCIAZIONI   |   APP & PLAY   |   MULTIMEDIA   |   Cartellone Verdi 200   |   NEWS
Credits   |   Note legali   |   E-mail